L’ALTALENA DELLA FELICITA’

Puoi definirti felice solo se vai su e giù

Le nostre ferite sono spesso le aperture nella parte migliore e più bella di noi.
(David Richo)

“Non esiste gioia senza sofferenza” è il presupposto per chi vuole lavorare su se stesso. La vita è fatta di alti e bassi e trovare un equilibrio è fondamentale per non cadere nel baratro dell’infelicità. Non bisogna focalizzarsi sullo stato di malessere, ma sull’esperienza utile per crescere e imparare a trasformare un’emozione negativa in positiva, così da renderla funzionale. Essere felice non è lo scopo finale della tua esistenza, ma un allenamento continuo e costante per la tua salute mentale e fisica.

Nei termini della psicologia analogica, che avrò piacere di farti conoscere nei prossimi articoli, la felicità non è assenza di difficoltà, ma la capacità di controllarla per non passare dalla sofferenza al dolore. Ogni persona può credere di vivere un brutto momento come il peggiore che si possa provare e anche una bella sensazione come la più bella e indescrivibile. La realtà è che ognuno di noi vive le emozioni secondo la propria esperienza e a ogni modo è esposto alla sofferenza. Ciò che fa la differenza è il modo di reagire e agire affinché la stessa non tramuti in dolore. Se si arriva a questa condizione estrema, il pensiero si avvale di sintomi, somatizzazioni e malattie. In ogni caso, alla base di ogni problema emotivo dell’individuo vive un’esigenza, nata nel passato e non ancora appagata. È proprio questo turbamento a scatenare una lotta continua alla ricerca dell’appagamento. Grazie alle discipline analogiche, e nello specifico all’Ipnosi Dinamica Benemegliana, è possibile avere un dialogo diretto con il proprio inconscio, abbattendo le barriere che minacciano la salute emotiva e la felicità che tutti meritiamo. Riaprirò prossimamente questa parentesi entrando nel vivo della materia, così da arricchire la tua crescita personale in maniera sorprendente.

Chi non ha mai fallito in qualcosa non può essere grande.
(Herman Melville)

Oltre ai “problemi” del passato che fanno parte della vita, un altro tormentone legato al tema della felicità è il fallimento. Se durante la tua esistenza non hai mai sbagliato ed è stato sempre tutto lineare, allora non hai mai vissuto realmente. Fallire è una parola che fa paura perché viene associata alla sconfitta, alla fine dei giochi. È proprio qui lo sbaglio perché nel momento in cui cadi, hai dato a te stesso un’opportunità di miglioramento che va ben oltre la delusione per le aspettative che avevi. Da questo momento in poi potrai riflettere sugli errori che ti hanno portato a sbagliare, tirare fuori il tuo vero potenziale e sfruttarlo al massimo con degli obiettivi sempre più mirati. Potresti non cadere una sola volta ma ciò che conta è l’insegnamento che ne trai e che ti permetterà di perseguire al meglio i tuoi sogni e la tua felicità.

Ti confido un segreto: io personalmente, sono caduta tante volte prima di capire cosa volessi veramente. Per me ogni traguardo non raggiunto non è stato un fallimento, ma una fase di crescita necessaria alla svolta della mia vita, una vera e propria rinascita. Ogni percorso, seppur non teoricamente concluso, mi ha condotto qui, sul reale motivo della mia esistenza: aiutare gli altri. L’ho sempre fatto senza neanche accorgermene e solo ora ho capito quanto sia importante per me. Se ciò che fai ti fa stare bene, è sempre la cosa giusta per te, a prescindere dal risultato. Prima o poi, se ti metti in gioco, la vita ti porterà verso ciò che ti appartiene da sempre.

I momenti bui esistono, e per fortuna, perché da questi imparerai sempre una nuova lezione. Hai mai visto il sole quanto è bello dopo una tempesta? Per apprezzare il momento presente in cui vivi devi ricordare i tuoi sbagli, sacrifici, rinunce e tutto ciò che ti ha reso la persona che sei oggi. Ricorda anche i bei momenti vissuti e fanne tesoro: li meritavi e li meriti ancora perché tutti abbiamo diritto alla felicità. Sii grato ogni giorno di ciò che hai e sei, anche alle cose che possono sembrare banali perché nulla è scontato nella vita.

Esci dall’illusione che la causa dei problemi sia fuori di te perché allo stesso modo vedrai la felicità all’esterno, in balia degli eventi. La ricerca di uno stato di benessere che dipende sempre dalle circostanze è totalmente instabile e imprevedibile, così come il tempo che non aggiusta le cose. Solo tu puoi decidere di svoltare. Dai una base solida alla tua esistenza cercando le soluzioni dentro te stesso e non rimarrai mai deluso dalla vita. In questo viaggio devono guidarti solo le conoscenze e le intuizioni che vengono dal cuore, dall’anima. Non scegliere sempre la strada più comoda, quella più difficile da percorrere porterà soddisfazioni e gioie più grandi. Abbi il coraggio di cadere per poi rialzarti più forte che mai e la felicità sarà a un passo da te.

Sandra Ceresini

Ti consiglio di leggere:

  • Il Potere di Adesso – Una Guida all’Illuminazione Spirituale, Eckhart Tolle