LA VITA È UNA SCOMMESSA

Punti tutto te stesso o ti fermi qui?

Ciò che non abbiamo osato, abbiamo certamente perduto. (Oscar Wilde)

In diverse occasioni pongo la seguente domanda: «Ti piacerebbe conoscerti più a fondo?». Ci sono persone che dicono di essere curiose, altre invece che hanno paura di mettersi in gioco e “rischiare”. È proprio di queste ultime che voglio parlarti perché rappresentano la maggioranza e tu potresti farne parte. Per toglierci ogni dubbio voglio chiederti un’altra cosa: «Quanto sei disposto ad aprirti?». Immagina la vita su di una scacchiera in cui puoi decidere se muovere la tua pedina e vedere cosa succede a tuo rischio e pericolo, oppure non fare nessuna mossa e restare immobile per paura di perdere.

E poi, se ci pensi, abbiamo solo una vita da vivere e non scoprirne tutta la sua bellezza sarebbe davvero un peccato. Rifletto molto su questo argomento perché delle volte sento dire «Io sto bene così» oppure «Non ho bisogno di sapere altro su di me». Sicuramente si tratta di persone con una struttura mentale iperlogica il quale ego ha creato delle forti barriere di difesa in quanto per loro pensare a fondo è quasi una tortura. Scoprendo se stessi si può incontrare la sofferenza, ma è il prezzo da pagare se si desidera essere più felici e quindi consapevoli.

Se credi di sapere tutto di te stesso, stai parlando solo del tuo ego, della mente razionale, del personaggio che si è venuto a creare in base alle circostanze e al mondo esterno. Se vuoi davvero sapere chi sei, devi entrare in contatto con la parte più intima di te. Ti assicuro che è possibile farlo, basta abbandonare i preconcetti e la conseguente paura per aprirsi al percorso verso l’ignoto. Una volta che inizierai a scavare dentro te potrai fermarti tutte le volte che vorrai per godere di volta in volta delle consapevolezze raggiunte, ma difficilmente smetterai di indagare nella tua interiorità dal momento che ti sarai “svegliato”.

In questo gioco che si chiama vita vuoi essere il regista o uno dei tanti personaggi? Desideri un ruolo attivo o passivo? Vuoi vivere ogni giorno come un’opportunità o come un momento qualsiasi?

Inizia a porti delle domande e impara a osservare cosa ti accade, non avrai altre occasioni. Chiediti perché hai sempre gli stessi disturbi fisici: l’inconscio parla attraverso il corpo. Chiediti perché una parola, una situazione, una persona, un gesto o un’immagine ti fa stare bene o male: l’inconscio parla attraverso le emozioni.

Una nave è al sicuro nel porto ma non è per questo che le navi sono fatte.
(William G.T. Shedd)

Ti sarà mai capitato di vedere gli altri fare qualcosa di strepitoso e tu non hai voluto provare la stessa esperienza perché hai pensato di non essere capace, oppure hai avuto semplicemente paura di provare una novità e di uscire bruscamente dalle tue abitudini. Io ad esempio tanti anni fa ho avuto l’occasione di andare a vivere a Berlino e lavorare con una grande azienda, ma ho rifiutato. A 18 anni ero ancora poco consapevole e lasciare la mia famiglia e i posti a cui ero legata mi sembrava un grosso sacrificio perché, anche se mi lamentavo, stavo bene nella mia zona comfort. Ciononostante ho sempre seguito il mio istinto e, seppur sbagliando spesso strada, ogni percorso è servito a condurmi qui. In fondo sono stata sempre coraggiosa e oggi lo sono ancor di più perché ho iniziato a scoprire me stessa come non lo avevo mai fatto. È un viaggio che dura una vita e prima lo inizi e prima vedrai quante cose ti sei perso fino ad allora.

Esci dalle tue finte certezze e dal mondo comodo e sicuro che ti sei creato. Voglio incentivarti a tirare il dado e iniziare a perlustrare dentro di te, abbandonando tutte le motivazioni che ti bloccano dal mondo esterno. Ho una buona notizia per te e sono sicura ti piacerà: potresti provare emozioni mai provate, oppure rivivere sensazioni che non avresti mai voluto rivivere, ma ne uscirai sempre più saggio e felice. Quindi ora che sai le regole del gioco, inizia a giocare e non te ne pentirai!

Sandra Ceresini