LA MACCHINA DEL TEMPO

Rivivere il passato per progredire nel futuro

Strade?! Dove stiamo andando non c’è bisogno di strade! (dal film “Ritorno al futuro”)

Nella fantastica saga cinematografica “Ritorno al futuro” il giovane Marty McFly e il suo amico scienziato Emmett “Doc” Brown, inventore di una bizzarra macchina del tempo, tornano nel passato per risolvere situazioni che altrimenti nel futuro avrebbero alterato il corso di eventi importanti. A te piacerebbe guardare indietro per eliminare i problemi che turbano ancora oggi la tua vita? In realtà non hai bisogno di nessuna stramba invenzione per rievocare condizioni del passato che ti hanno fatto male, basta semplicemente sfruttare uno strumento potente, frutto di ben oltre 50 anni di studi. Sto parlando del RIEQUILIBRIO EMOTIVO. Che cos’è? Te lo spiego attraverso la mia storia.

Un giorno il mio caro amico Matteo mi ha proposto di provare questa fantastica esperienza. Devo ammetterlo, avevo paura perché pensavo mi ipnotizzasse facendomi perdere i sensi. Se ci ripenso mi viene da ridere! Lo rifarei mille altre volte e infatti, ogniqualvolta Matteo è disponibile, non perdo l’occasione di chiederglielo. Fidati, è l’opportunità della tua vita. Non posso che parlarne bene perché per me è stata la svolta, la rivelazione che avevo sempre desiderato.

Che cosa si prova con un riequilibrio emotivo? Benessere e pace interiore. Che cosa si ottiene? Consapevolezza e tanto altro. La cosa interessante è che lo si fa con un intento ben preciso, un obiettivo personale che potrebbe essere: avere una maggiore autostima, realizzarsi nello studio o nel lavoro, migliorare la vita sentimentale o il rapporto con i familiari, ecc. Ed è ancora più curioso il fatto che durante la seduta “ipnotica” l’inconscio possa non considerare affatto lo scopo richiesto a livello logico perché magari preferisce risolvere prima situazioni più urgenti. In ogni caso se ti lasci andare, il risultato che desideri raggiungere è assicurato!

Io ho chiesto due cose e ne ho ottenute molte più di quante ne volessi. Volevo una maggiore sicurezza in me stessa e ambivo a un lavoro che mi facesse sentire realizzata. Prima di concretizzare questi obiettivi, il mio Io bambino ha sbloccato dei sigilli che mi impedivano di sentirmi completamente libera di agire. Effettivamente, come si può pretendere di fare grandi cose se non si ha nemmeno il coraggio di essere pienamente se stessi? Prima di farmi riequilibrare mi sentivo sempre giudicata e davo peso a ogni critica. Inoltre non riuscivo a dire mai di no, permettevo a tutti di approfittare della mia bontà, non davo spazio a me stessa e mi concentravo a rispondere alle richieste degli altri, annullando completamente la mia persona. Migliorare di gran lunga questi aspetti mi ha permesso di essere più serena e di avere una visione più chiara su ciò che ostacolava la mia autorealizzazione.

È così bello ripulire la mente offuscata da pensieri e condizionamenti limitanti. Ogni tanto ripenso a quando mi arrabbiavo per le persone che mi irritavano e sprecavo tutte le energie in funzione del risentimento che provavo. Oggi posso dire di sentirmi libera di dire la mia senza aver paura del giudizio altrui e non penso più che siano le altre persone a condizionarci, ma siamo noi che permettiamo a noi stessi di farci condizionare. Io non ho più questo problema e il senso di liberazione che provo è immenso.

Ho 30 anni e mi sento come nuova, come se avessi iniziato un’altra vita. Quanto tempo ho perso a essere la persona che non sono! Non importa, adesso ho tutto il tempo per recuperare e vivere nei panni della vera Sandra. Sono più consapevole, mi piace sperimentare il potenziale della mente e per questo sono sempre entusiasta e pronta a scoprire nuovi aspetti della mia essenza. Sto realizzando il lavoro dei miei sogni insieme a Matteo: mi ha illuminato il cammino e ora lo percorriamo insieme per dare la possibilità a tutti di vivere una vita autentica ed emozionante.

Durante un riequilibrio riemerge sempre un evento ben circoscritto del passato. Non sei tu a ricordare con la mente logica, ma l’inconscio. Non ci credi? Tornano a galla situazioni con la fonte dei problemi che pensavi di aver rimosso proprio perché la tua parte razionale le ha volute dimenticare. L’ego non vuole soffrire e lascia i brutti ricordi nella cisterna dell’inconscio, questa si riempie sempre più e se non la si svuota abbastanza, strariperà nel malessere psichico e fisico. Dunque, rivivere appieno i momenti salienti che hanno causato tensione ed emozioni che non hai potuto liberare nel passato è un ottimo metodo per prevenire e “sanare” disagi mentali e disturbi fisici correlati. Se si è “ripuliti” e “sbloccati”, si gestiscono meglio i pensieri e non c’è rischio di incorrere in ansia o depressione. Un buon pollice verde lo sa che per avere una bella pianta e che per non farla ammalare bisogna curarla dalla radice, e così è la vita.

Sottoporsi a un riequilibrio è come saltare su una macchina del tempo per tornare indietro negli anni, dare libero sfogo alle emozioni represse e tornare nel momento presente più radiosi che mai. Gli eventi del passato non si possono cambiare, ma si può inibire il loro condizionamento, quale ostacolo alla tua felicità.

Allaccia le cinture e tieniti pronto. Il viaggio è lungo e le fermate potrebbero essere tante. Impossibile annoiarsi!

Sandra Ceresini